Autore

Maria Ferrari

In un contesto di mercato ancora sfidante, rimane il dilemma se privilegiare i titoli value o quelli growth nelle proprie strategie di investimento azionario. Robeco spiega perché lo stile value conti

La volatilità che ha caratterizzato l’ultimo anno non è destinata a finire. Anzi. Tuttavia, questa può essere sfruttata per investire al meglio anche in questo mondo così “disordinato”, con cui dovrem

I rifiuti in plastica da grande problema possono diventare una grande opportunità. Anche d’investimento. Lo sostengono gli esperti di Lombard Odier Investment Managers, secondo cui un’economia circola

La popolazione mondiale ha appena toccato quota 8 miliardi e per sfamarli la produzione di cibo deve diventare sempre più intensiva. Eppure un’altra agricoltura, sostenibile e meno invasiva, è possibi

Da una parte l’interesse per gli investimenti che offrono rendimenti e promuovono un cambiamento positivo nella società, dall’altra le imprese in cerca di capitali per crescere e attuare politiche più

La rete dei consulenti finanziari di BNL BNP Paribas investe sul futuro e lancia una campagna di recruiting rivolta a futuri “Life Banker” professionisti, ma anche con un’attenzione rivolta ai giovan

Forse non tutti sanno che il primo mercoledì di novembre è la Giornata nazionale di sensibilizzazione allo stress negli Stati Uniti, anche se gestire lo stress e l'impatto che può avere sulla nostra s

È una delle questioni più dibattute nel mondo del risparmio gestito: meglio scegliere una gestione attiva o passiva per il proprio patrimonio? Carmignac spiega perché la scelta migliore in questo comp

Nonostante le tensioni sui mercati azionari e obbligazionari, i fund selector continuano a scegliere gli investimenti Esg. È quanto emerge dal sondaggio semestrale realizzato da PGIM Investments: ecco

Ormai è chiaro che la Federal Reserve continuerà nella sua politica restrittiva per riportare l'inflazione sotto controllo. Ma i rischi che possa spingersi troppo oltre stanno diventando più forti, se

Alcuni dei principali indici mondiali hanno riportato da inizio anno una perdita di oltre il 20%, entrando nella cosiddetta “fase Orso”. Ma non tutti i mercati ribassisti sono uguali. Imparare a disti

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti