Investimenti a impatto: come si combinano equity e bond?

Gloria Grigolon
Gloria Grigolon
30.5.2022
Tempo di lettura: '
Investire pensando alla vita, all'empowerment umano e all'ambiente, valutando bisogni, ostacoli e conseguenze. L'impact investing, nelle sue varie declinazioni e opportunità, mira ottenere un ritorno finanziario generando al contempo effetti positivi per la società e il pianeta
Che sono gli investimenti a impatto e come inserirli in portafoglio? Ne parliamo in questa intervista con Tara Stilwell e Campe Goodman, entrambi Portfolio Manager di Wellington Management per i due comparti, azionario e obbligazionario, degli investimenti a impatto.

“L'impact investing è uno spazio entusiasmante, in cui possiamo aiutare i clienti ad allineare i loro obiettivi finanziari con le aspirazioni sociali e ambientali. Quando guardiamo agli elementi essenziali della vita, parliamo nel concreto di alloggi a prezzi accessibili, acqua potabile e servizi igienici, sanità, agricoltura sostenibile e nutrizione. La componente di empowerment umano affronta temi di divario digitale, istruzione scolastica e formazione professionale, accesso ai servizi finanziari, ma an- che il ruolo di sicurezza e della protezione. Infine, viene l'ambiente, forse la categoria più nota, che ci permette di porre un focus sulle energie alternative, l'efficienza delle risorse e la loro gestione”.

 

Quali sono le caratteristiche di una strategia a impatto?


“Per essere considerato a impatto, un fondo deve avere un effetto 'materiale' per la parte che concerne ricavi e fatturato, ma anche 'addizionale,' per rispondere a esigenze specifiche difficilmente coperte o soddisfatte dal mercato. Non è tutto: è importante che ogni investimento sia 'misurabile,' in modo da poter quantificare e seguire i suoi progressi nel tempo. Un investimento a impatto deve avere la stessa precisione in termini di misurabilità di un risultato finanziario. Per misurare l'impatto che generano le nostre azioni, creiamo degli indicatori chiave di performance (KPI) personalizzati per ciascuna società o emittente all'interno dei nostri portafogli. Per ogni realtà, contrassegniamo uno o più dei 17 Principi delle Nazioni Unite con cui riteniamo essere allineati, a loro volta declinati in uno o più dei 169 obiettivi sottostanti. Applichiamo inoltre un approccio olistico, che guarda sia all'azienda in cui investiamo, che all'emittente. Tradotto in pratica, investire in green bond significa per noi esaminare non solo l'uso a cui verranno destinati i proventi dell'obbligazione, ma l'insieme delle attività commerciali condotte dall'emittente. Analogamente, investiamo in titoli di Stato solo laddove i proventi vengono utilizzati specificamente per affrontare uno o più dei temi di impatto da noi identificati”.

 

Investimento a impatto: meglio l'equity o i bond?


Sia le azioni che le obbligazioni offrono eccellenti opportunità di investimento a impatto, differenti tra loro e inserite all'interno di un mercato in crescita. Riteniamo che le due classi di attivo, azionario e obbligazionario, forniscano esposizioni complementari e possano essere combinate all'interno di un portafoglio più ampio per creare sinergie convincenti. Alcuni temi sono di più facile accesso per i gestori del reddito fisso, come le obbligazioni legate all'ambito immobiliare; altri temi, come l'inclusione finanziaria e digitale, sono di più accessibili ai gestori azionari”.

 

Come si combinano investimento a impatto e ricerca di rendimento?


Gli investimenti a impatto non comportano il dover rinunciare a un potenziale di rendimento. Sia il Wellington Global Impact Fund che il Wellington Global Impact Bond Fund mirano a fornire rendi- menti competitivi, insieme a risultati sociali e ambientali positivi. Tutti i nostri investimenti a impatto devono soddisfare requisiti finanziari specifici. Dal nostro punto di vista, molte delle aziende a cui ci rivolgiamo beneficiano anche di venti favorevoli, data la loro focalizzazione su prodotti e servizi che cercano di affrontare alcuni dei problemi più urgenti del mondo. È probabile che le aziende in grado di fornire soluzioni efficaci a questi problemi vedranno una crescita sana dei loro ricavi e quote di mercato crescenti negli anni a venire”.
 

Infine, due parole su Wellington Management


È una delle principali società attive di gestione degli investimenti a capitale privato al mondo, fondata nel 1928 e con oltre 1,4 trilioni di USD di masse in gestione (dati a dicembre 2021). La società offre un'ampia gamma di soluzioni di investimento sia alla clientela privata, prevalentemente tramite i mandati in delega, sia alla clientela istituzionale. Gestione attiva, ricerca proprietaria, collaborazione, sviluppo di talenti, e soprattutto eccellenza gestionale, sono i nostri principali punti di forza. In Italia, puntiamo ad essere un partner di riferimento per la comunità finanziaria e contribuire allo sviluppo della cultura dell'investimento. La combinazione di competenze gestionali specialistiche e di un'unità di ricerca indipendente centralizzata, ci permette di soddisfare le molteplici esigenze di investimento in ambito azionario, obbligazionario, multi-asset e alternativi.

 

Scarica qui l’intera intervista a Wellington Management

Articolo tratto dal magazine We Wealth di maggio 2022
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti