Le affinità elettive di Andrea e Fabio Fustinoni

Tempo di lettura: 3'
“L'elemento principale del nostro percorso di ricerca è il disorientamento”, dicono i due collezionisti: “Nasce scoprendo che il messaggio è diverso dalla prima lettura. E ogni giorno emoziona”. Le opere, che includono artisti giovani, italiani e internazionali, sono state di recente catalogate e assicurate. L'ultimo acquisto? Un lavoro di Adam Gordon
Le fotografie da collezione prima considerate lavori secondari e spesso raggruppate nelle vendite di libri o stampe, hanno acquisito negli ultimi tempi un ruolo autonomo non solo nel mercato ma anche nelle collezioni museali e private. Dall'ascesa delle immagini di moda dei fotografi professionisti ai lavori concettuali di artisti di arte contemporanea, l'attenzione per la fotografia sta conoscendo una larga diffusione anche grazie a una nuova generazione di appassionati.

Tra i collezionisti che privilegiano questo medium, spiccano Andrea e Fabio Fustinoni. Hanno avviato una importante collezione di fotografia che ora intendono estendere al loro hotel a Santa Margherita Ligure, il Grand Hotel MiramareNella collezione, oltre alla fotografia, sono presenti anche opere di pittura, scultura, video e installazioni.  

Di recente hanno preso parte al progetto The collectors.chain. La community dei collezionisti
di Art Defender. Grazie a questo progetto hanno aperto le porte della loro raccolta privata e hanno sottolineato come la loro sia una “collezione quotidiana, che li emoziona ogni giorno”.
E allora ripartiamo da lì per incontrarli e parlare meglio della loro visione e della loro ricerca. “Abbiamo selezionato artisti contemporanei sia italiani come  Rosa Barba, Francesco Gennari, sia internazionali come Adrian Paci e Leigh Ledare. L'elemento principale del nostro percorso di ricerca è il disorientamento. Scoprire che il messaggio è diverso dalla prima lettura dell'opera crea disorientamento ed è quello che ci interessa approfondire”, dicono Andrea e Fabio Fustinoni.

“In Italia il settore dei giovani artisti meriterebbe di essere sostenuto a livello pubblico come avviene in altri Paesi in cui la cultura artistica è più attenta. Pensiamo a Israele e al Regno Unito in cui le istituzioni e altre fondazioni promuovono il lavoro dei talenti. A nostro avviso questo ruolo compete anche al collezionista ed è uno dei fattori di interesse per l'arte”, proseguono i due collezionisti.

Si capisce subito che acquistano arte e fotografia per soddisfare un vero interesse culturale e sostengono gli artisti di cui condividono la ricerca. Come avviene la selezione delle opere? “Partiamo sempre dai lavori. Poi procediamo a ritroso con la galleria che rappresenta l'artista e infine con l'artista stesso. Normalmente quello che ci trasmette il lavoro lo ritroviamo nell'artista con il quale spesso instauriamo rapporti duraturi. Rispettiamo comunque sempre il ruolo della galleria che rimane il nostro primo interlocutore”.

Quali canali privilegiate per l'acquisto? “Acquistiamo sempre in galleria. Durante i lockdown che si sono susseguiti abbiamo avuto occasione di consolidare questo rapporto di fiducia avendo più tempo a disposizione”. E le fiere? Sono un canale che utilizzate per la selezione delle opere? “Normalmente sì ma nel corso del 2020 abbiamo limitato la nostra frequentazione alla versione online di Art Basel nell'ambito della quale abbiamo acquistato un lavoro di Adam Gordon. Artista che abbiamo già in collezione e che quindi conosciamo molto bene. L'immaterialità dell'opera che arriva dalle online viewing room ci porta a privilegiare comunque la visita in presenza”.

Seguite i trend di mercato o il vostro progetto è slegato da tali dinamiche? Per esempio artiste donne e artisti di colore, che sono stati il trend del 2020. “Nella nostra collezione le artiste donne sono rappresentate equamente come gli artisti uomini. Seguiamo con interesse l'attenzione del sistema verso gli artisti di colore e dei valori da questi rappresentati ma finora abbiamo sempre
seguito un approccio personale”.
Dimensione della fotografia e numero di edizioni vi condizionano nell'acquisto? “La dimensione della foto non è un elemento che ci condiziona più di tanto in quanto troviamo sempre il giusto spazio per ciò che ci interessa. Invece siamo attenti al totale delle edizioni. Quelle troppo alte non le reputiamo interessanti. Spesso acquistiamo le prime edizioni”.

Avete mai considerato la fotografia come investimento oltre che come bene da collezione? “L'aspetto dell'investimento non è nelle nostre corde. Viene meno la poesia del lavoro se ci si sofferma solo su quell'aspetto. Per noi rileva il possesso dell'opera che ci piace.
Devo dire però che abbiamo fatto degli acquisti che si sono rivelati in breve tempo anche dei buoni investimenti. Penso a un lavoro di Louis Fratino acquistato quando era ancora poco conosciuto e ora molto quotato”.


Cosa fate quando viene meno l'interesse verso un artista che avete in collezione? “In realtà ci è capitato di acquistare opere di artisti emergenti che dopo qualche anno sono usciti dal mercato. In quei casi siamo comunque appagati da ciò che riceviamo dall'opera. In altri casi abbiamo dismesso dei lavori di artisti che nel loro percorso hanno cambiato ricerca o hanno privilegiato strategie troppo commerciali”. 

Catalogazione, assicurazione, protezione e trasmissione della collezione. Quale il vostro approccio a questi temi? “Di recente abbiamo completato la catalogazione delle opere in collezione facendoci aiutare da un professionista. Un lavoro fondamentale in cui sono state raccolte tutte le informazioni e i certificati di autenticità delle opere. Questo serve a noi ma anche a chi un domani ne entrerà in possesso. Stiamo ora concludendo il contratto di assicurazione per la raccolta presente nella nostra abitazione. Un domani ci piacerebbe donare alcuni lavori a istituti museali e a chi in famiglia vorrà continuare il nostro progetto. Altri lavori li rimetteremo invece sul mercato affinché vadano a completare le raccolte di altri collezionisti”.

Cosa ne pensate della recente aggiudicazione dell'opera completamente digitale di Beeple battuta da Christie's per 69 milioni di dollari pagata in criptovaluta? È arte? “Abbiamo ben presente il processo di digitalizzazione che sta interessando il sistema dell'arte e le opere con gli NFT (non fungible token) e la blockchain a garanzia dell'autenticità e non riproducibilità di questi lavori. Le generazioni più giovani, cresciute con il digitale, hanno un approccio sicuramente più facile con questi lavori e ne comprendono le potenzialità future che sicuramente troveranno riscontro. Il tema del pagamento in criptovaluta devo dire che ci crea qualche incertezza. Ad ogni modo noi rimaniamo collezionisti che amano osservare l'opera nella sua tridimensione”.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Specializzato in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 ore e poi in diritto e fiscalità dell’arte, dal 2004 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano ed è abilitato alla difesa in Corte di Cassazione. La sua attività si incentra prevalentemente sulla consulenza giuridica e fiscale applicata all’impiego del capitale, agli investimenti e al business. E’ partner di Cavalluzzo Rizzi Caldart, studio boutique del centro di Milano. Dal 2019 collabora con We Wealth su temi legati ai beni da collezione e investimento.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti