EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Il design secondo Domenico Raimondo. | WeWealth

Ritmo, linee, pensiero. Il design secondo Domenico Raimondo

Teresa Scarale
Teresa Scarale
26.10.2023
Tempo di lettura: 3'
È il responsabile globale del design di Phillips, la terza casa d’aste più importante al mondo e la numero uno (anche) in questo settore. Italianissimo ma di formazione internazionale, architetto, può vantare trascorsi lavorativi con Rem Koolhaas. Gli abbiamo chiesto da quando il design è diventato un asset, che cosa non si può non avere in collezione. E se ippopotami e pecore sono arte o progettazione

Lo abbiamo incontrato a metà settembre 2023, in occasione dell’apertura milanese della casa d’aste Phillips (1796). Lui è l’italiano Domenico Raimondo, senior director, design head of department, Europe and senior international specialist della terza casa d’aste più importante al mondo. Il responsabile globale del design di Phillips è un architetto di formazione internazionale: laurea alla prestigiosa Architectural Association School of Architecture di Londra, lavoro con Rem Koolhaas (il creatore della Torre Prada a Milano), attività di docenza presso Royal College of Arts, North London Polytechnic, Architectural Association. La sua folgorazione per il design avviene da ragazzino, quando ha modo di vedere la purezza e la razionalità del celebre tavolo di Mario Asnago in Triennale, a Milano. Il suo ingresso in Phillips – avvenuto nel 2007 – segna la creazione del dipartimento di design presso la casa d’aste e allarga una volta per tutte il panorama dei beni da collezione alla progettazione d’autore.



Gio Ponti

Desk from Casa di Fantasia, Milan

circa 1951

Burr walnut-veneered wood, glass, brass.

83 x 166 x 69 cm (32 5/8 x 65 3/8 x 27 1/8 in.)

Executed by Giordano Chiesa, Milan, Italy. Together with a certificate of expertise from the Gio Ponti Archives.

Estimate £80.000 - 120.000

SOLD FOR £203.200

LE OPPORTUNITÀ PER TE. Sei affascinato dall'eleganza del design? Vorresti iniziare ad acquistare in asta dei pezzi importanti, magari con valutazioni ancora interessanti? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR


Fino a pochi anni fa il design non veniva percepito come asset: era solo qualcosa di molto carino da tenere in casa. Non esistevano le aste monografiche ormai consolidate. Com’è avvenuta questa ascesa? 

“Da principio queste aste erano denominate semplicemente ‘decorative arts’, arti decorative. È stata proprio Phillips a ribattezzarle con il termine ‘design’. Quando un pezzo di design è fatto da un progettista (designer o ingegnere che sia) e non da un decoratore, si vede. Faccio un esempio: Carlo Mollino (1905-1973; suo è il secondo pezzo di design ad oggi più costoso, un tavolo da 6.181.350 di dollari nel 2020, ndr) era un architetto, Jean Royère (1902-1981) no. Cambiano proporzioni, linee, pensiero. È parzialmente vero che un oggetto di uso magari quotidiano non si considerava come asset fino a non molto tempo fa. Ma in realtà la crescita di valore del design è in atto da molti anni. La crescita è stata dapprima graduale, riservata agli intenditori – penso a collezionisti di grandissima levatura come Francesco Carraro – poi esponenziale. Già negli anni ’80, i più lungimiranti iniziavano ad acquistare opere di designer come Carlo Mollino, Carlo Scarpa, Gio Ponti, Jacques-Émile Ruhlmann, Jean Michel Frank, anche per grosse cifre. Con l’ascesa dell’arte moderna e contemporanea, anche il design – per associazione – è diventato un asset: in genere, chi acquista contemporaneo poi si apre anche al design, che dapprima indubbiamente era meno conosciuto a livello di massa, ma oggi è impossibile ignorarlo”. 



Nanna and Jørgen Ditzel

Rare two-seater sofa

1949

Fabric, stained beech.

76.7 x 144.6 x 73.6 cm (30 1/4 x 56 7/8 x 28 7/8 in.)

Executed by master cabinetmaker Knud Willadsen, Lillerød, Denmark.

Estimate £12.000 - 18.000

SOLD FOR £22.680


Posto che ogni previsione è un azzardo, ravvisa attualmente ancora un trend di crescita del valore nel comparto?

“Non è il tipo di domanda cui amo rispondere. Anche quando me la fanno i collezionisti. È evidente che una crescita del valore c’è stata. E che a volte ci sono grandi ritorni nella rivendita, è innegabile. Ma io suggerisco sempre di comprare solo se un oggetto piace davvero, senza pensare all’eventuale rendimento. Che poi è l’atteggiamento di tutti i veri collezionisti”. 



Hans Coper

Monumental bottle with disc top

circa 1959

Stoneware, layered porcelain slips and engobes over a textured body, the neck, lip and interior with a manganese glaze.

66.5 cm (26 1/8 in.) high

Front of foot impressed with artist's seal.

Estimate £120.000 - 180.000

SOLD FOR £584.200


Nota dei cambiamenti di gusto, delle tendenze definite?

“Molto dipende dai gruppi anagrafici cui appartengono i collezionisti. Il design radicale e il design post moderno sta tornando moltissimo anche fra i più giovani. È fisiologico, è una conversazione. Si parte da un punto e poi si procede; dall’ante seconda guerra si procede in avanti per poi tornare indietro: quando ho iniziato nessuno comprava un Tomaso Buzzi (1900-1981), per dire. Poi ho iniziato a inserirlo in catalogo, e quindi è tornato. È questione anche di educare l’occhio: quando prepari un’asta pensi a un paesaggio; a come contestualizzare un oggetto, opporlo ad altri, affiancarvelo, anche cronologicamente. Significa dare il ritmo dell’asta, il passo: parti, ti fermi, poi riprendi, continui. È una conversazione fra elementi, una canzone, una sinfonia”. 



Studio B.B.P.R.

Rare ceiling light, model no. 2045c

circa 1962

Painted aluminium, aluminium, painted metal, acid-etched prismatic glass.

27 x 296 x 145 cm (10 5/8 x 116 1/2 x 57 1/8 in.)

Manufactured by Arteluce, Milan, Italy. Interior of three shades with manufacturer's label printed AL/MILANO/ARTELUCE.

Estimate £50.000 - 70.000

SOLD FOR £327.600


Un neo collezionista serio con una importante disponibilità intellettuale prima che economica, cosa non dovrebbe farsi mancare?

“Conosco personalmente un grandissimo collezionista di Ponti. Un giorno gli ho detto: ‘tu devi comprare assolutamente un pezzo di Mollino’. Qualunque sia la passione che germina nella mente e nel cuore di un collezionista, è importante che ci siano la volontà e l’intelligenza di portare avanti il discorso, la visione. Magari c’è chi compra Fontana Arte e poi arriva al design radicale di Ettore Sottsass. La conoscenza deve progredire per vie affini e contrarie. Penso anche a un altro grande collezionista che mi è capitato di conoscere. Aveva una raccolta immensa di impressionisti, più un unico splendido old master che dialogava magnificamente con tutta la collezione”. 



 

Jean Royère

'Flaque' coffee table

1955-1958

Oak-veneered wood, oak, mirrored glass.

34.3 x 128.2 x 65 cm (13 1/2 x 50 1/2 x 25 5/8 in.)

Estimate £120.000 - 180.000

SOLD FOR £327.600


L’apertura di una sede qui a Milano ha qualcosa a che fare con il design?

“Certamente. Phillips è la casa di riferimento globale per il design italiano (e non solo, ndr). L’Italia per il design resta fondamentale, e Milano rappresenta un grosso bacino di utenza non solo per reperire le opere, ma anche per i collezionisti. Non poteva non succedere che aprissimo anche qui”. 


Ci sono ancora delle ottime valutazioni in Italia, si può comprare bene? 

“Si. E in generale tengo sempre il listino abbastanza contenuto: non voglio creare bolle di mercato”.


Tornando a design e decorazione… ‘Les Lalannes’, fortissimi in asta con le loro pecore e i loro ippopotami (lotto record al momento è il mobile bar ippopotamo, 7.597.500 dollari nel 2023, ndr) dove si collocano? Sono artisti, decoratori, designer? 

“Né gli uni né gli altri. I Lalanne (François e Claude, ndr) sono un fenomeno a sé. Si tratta di un ottimo esempio di come funziona il mercato: fino all’epocale asta della collezione di Yves Saint Laurent, i loro oggetti non destavano grande interesse. Per me, quelle creazioni sono ‘whismical’: stravaganti, non funzionali. Certo sono opere decorative e divertenti. È un mondo che ha una sua poesia, e che oggi genera molto denaro; questo non si può ignorare. Ma quei pezzi non sono né design né arte. Si collocano in un territorio a parte, ed è questa la loro fortuna”.

Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?