EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Il mercato dell’arte contemporanea 2022/2023 | WeWealth

Calo fisiologico o strutturale? Il mercato dell’arte contemporanea 2022/2023

Tempo di lettura: 3'
Il report 2022-2023 di Artprice sull’arte contemporanea presenta un mercato in fase di assestamento dopo i grandi risultati dell’anno scorso. Un calo fisiologico del 17% di valore su cui hanno inciso vari fattori, ma che rimane nel complesso solido

Cala il fatturato globale del mercato in asta di arte contemporanea da 2,7 milioni di dollari a 2,3 milioni di dollari nel periodo da luglio 2022 a giugno 2023. Ma si tratta di un assestamento fisiologico dopo l’eccellente risultato dell’anno precedente secondo il commento di Thierry Ehrmann, CEO e fondatore di Artprice by Artmarket.com, che nel suo editoriale evidenzia come il mercato dell’arte contemporanea sia entrato in una fase di assestamento essenziale attesa da tempo. Si tratta di un passaggio di adeguamento dei valori degli artisti contemporanei rispetto a quelli dei grandi maestri antichi e dell’arte moderna. Il periodo considerato si caratterizza per un elevato numero dei lotti venduti nelle aste di tutto il mondo pari a 123 mila opere, record assoluto


LE OPPORTUNITÀ PER TE. Sei interessato ai trend dell'arte come asset class? Vorresti saper leggere i report settoriali? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR

L'arte contemporanea in asta

Considerando i due dati (fatturato globale e numero di opere) e comparandoli con l’anno precedente, emerge un allineamento verso il basso del valore delle opere passate di mano nelle aste, cui si accompagna un calo delle opere di fascia alta rispetto alle opere compravendute a cavallo tra il 2021 e il 2022. Il segmento di prezzo su cui infatti si sono concentrate la maggior parte delle transazioni è quello delle opere offerte a meno di cinque mila dollari, pari a quasi 99 mila opere d'arte contemporanea scambiate su un totale di 123 mila. Dall’altro lato si è registrata una diminuzione delle opere vendute sopra il milione di dollari passate da 372 per il periodo 2021/2022 a 290 per il periodo 2022/2023. Stati Uniti (-19%) e Regno Unito (-23%) sono i mercati che hanno incamerato la maggiore perdita di valore. I due Paesi insieme, però, continuano a rappresentare il 54% delle vendite totali di arte contemporanea. Tra Usa e Uk si conferma al secondo posto la Cina, con Taiwan che ha perso solo il 5% del fatturato rispetto all’anno precedente. Nel mercato cinese, le aste di Hong Kong rappresentano più di un terzo delle vendite totali pari a 414 milioni di dollari e a livello internazionale superano quelle di Londra di 45 milioni. Risultato questo secondo solo alle aste di New York.



Evoluzione annuale del fatturato delle aste di arte contemporanea.
Nel biennio 2022-2023, il mercato delle aste di arte contemporanea ha visto una correzione dopo il boom
post-pandemia, raggiungendo la quarta migliore performance nella sua storia.  
Fonte: Artprice.com


L'arte ultracontemporanea in asta

Chiudiamo con il segmento dell’arte ultracontemporanea (realizzata da artisti con meno di 40 anni). In questo caso l’analisi va per anno solare e la comparazione tra il primo semestre 2023, pari a 127 milioni di dollari, con quello del 2022, pari a 206 milioni di dollari, evidenzia un calo del 38%. Se si guarda al periodo 2022-2023 la vendita di queste opere registra un totale di 273,5 milioni di dollari (circa il 12% del totale dell’arte contemporanea). La Cina con Hong Kong è leader delle vendite in asta per questo segmento con il 39% del mercato contro il 32% degli Stati Uniti.


LE OPPORTUNITÀ PER TE. È meglio aspettare prima di vendere le proprie opere d'arte contemporanea? Quali sono le previsioni per questo segmento di mercato nel prossimo biennio?
Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR


Le ragioni del calo di valore nelle aste d'arte contemporanea

Il calo di valore delle vendite è dovuto a una molteplicità di fattori. A partire dall’esaurirsi dello slancio post pandemia che ha beneficiato della vendita di collezioni di qualità museali e che ora riporta le transazioni alla normalità. Ma anche il contesto politico e economico generale ha condizionato il settore: la guerra in Ucraina, l’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse hanno limitato la propensione all’acquisto e la spesa dei collezionisti e hanno aumentato la percezione del rischio di affidamento delle opere per la vendita. 



I migliori 15 paesi per fatturato nelle aste d'arte contemporanea. 
Fonte: Artprice.com



In copertina: Barbara Kruger, Untitled (Our prices are insane!) (1987). Courtesy: Phillips. 

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Specializzato in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 ore e poi in diritto e fiscalità dell’arte, dal 2004 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano ed è abilitato alla difesa in Corte di Cassazione. La sua attività si incentra prevalentemente sulla consulenza giuridica e fiscale applicata all’impiego del capitale, agli investimenti e al business. E’ partner di Cavalluzzo Rizzi Caldart, studio boutique del centro di Milano. Dal 2019 collabora con We Wealth su temi legati ai beni da collezione e investimento.

Cosa vorresti fare?