Investitori internazionali: ecco un possibile identikit

Andrea Messuti
Andrea Messuti
9.7.2021
Tempo di lettura: '
Quando si parla di investitori internazionali si devono distinguere due tipologie: gli investitori istituzionali e quelli strategici (o industriali). Chi sono e quali sono i tratti distintivi (e comuni) di questi operatori?
È possibile tracciare un identikit dei tanto ricercati investitori internazionali? Personalmente non credo si possa parlare di vero e proprio identikit, ma a ben vedere è possibile riconoscere qualche tratto distintivo (per quanto occorrer possa, come si dice in gergo legalese).

Dal mio punto di vista, quando si parla di investitori internazionali si devono distinguere due tipologie: gli investitori istituzionali e quelli strategici (o industriali). Gli investitori istituzionali sono degli operatori economici, dotati di ingenti possibilità finanziarie proprie o affidate loro da terzi, che effettuano in maniera sistematica e cumulativa, e quindi come ragione alla base del loro stesso business, investimenti considerevoli in altre società in paesi o mercati diversi da quello di origine. Scopo dell'investitore finanziario – come il caso di Depop insegna – è quello di massimizzare (in senso finanziario) il proprio investimento, sia attraverso la percezione dei dividendi collegati alla partecipazione in proprio possesso, nonché, principalmente, mediante un importante upside rispetto al capitale investito in sede di vendita della partecipazione.

L'investitore finanziario, per sua natura, non partecipa alla gestione ordinaria della società, ma controlla la gestione. Lo stesso si prefigge di rimanere solo temporaneamente socio della target e di massimizzare il costo della partecipazione detenuta al fine di ottenerne un guadagno in sede di vendita. A tal proposito l'investitore istituzionale, oltre al capitale, mette di regola a disposizione della società target anche la propria rete di contatti e il suo background esperienziale al fine di consentire una crescita della società e indirettamente incrementarne il valore nell'ottica di una futura exit.
In considerazione dello scopo del proprio investimento, l'investitore finanziario internazionale quando investe in paesi diversi dal suo è portato, generalmente, a investire in target di una certa dimensione che hanno dimostrato sul campo la scalabilità del loro business tanto da farsi notare, appunto, da investitori stranieri. Più raramente, tali operatori investono anche in fase early stage, ma in questo caso è molto probabile che facciano migrare la target nel proprio Paese di origine.
L'investitore strategico, al contrario di quello finanziario, ha una logica acquisitiva di crescita per linee esterne. In gergo parliamo di investimenti - e in effetti l'investitore strategico fa anche investimenti - ma generalmente gli strategici (o industriali) si muovono con logiche da M&A. Un investitore strategico non solo acquista una partecipazione o investe nell'equity della società, ma di regola è o vuole essere (in caso non sia l'unico socio) coinvolto nella gestione della stessa, contribuendo attivamente - nel senso di tempo e risorse impiegate - alla sua crescita. Lo scopo dell'investitore industriale è generalmente quello di (i) acquisire tecnologia sinergica al suo attuale business, e (ii) acquisire mercati e know-how. Per questi motivi, è più difficile che tali operatori, una volta completate l'operazione, procedano ad uno smantellamento della target.
L'investitore strategico, per sua natura, è pertanto più elastico ed eclettico di un investitore finanziario per quanto concerne il target, il size dei propri investimenti e il suo modus operandi.

Concludendo, nel tentativo di dare un minimo di traccia su alcune peculiarità degli investitori internazionali potremmo dire, in sintesi, che la principale differenza è la prospettiva ultima sottostante l'investimento, la tipologia delle rispettive target, locale in un caso, internazionale nell'altro caso. Gli stessi, tuttavia, presentano anche una caratteristica che li accomuna: investono in Italia per l'unicità delle tecnologie e delle realtà imprenditoriali che il nostro Paese innegabilmente offre, nonostante tutto.

Articolo scritto in collaborazione con Flavia Visco di Lca Studio Legale
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
È avvocato e partner di Lca Studio Legale, dove coordina il team di Emerging companies &
venture capital. È specializzato in operazioni di M&A e venture capital e in operazioni sui mercati
dei capitali nazionali o stranieri (con particolare riferimento alle Ipo nei settori tech e life science).
Assiste clienti italiani e internazionali operanti in diversi settori industriali e tecnologici.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti