Cina, 300k ai neolaureati in finanza per battere Wall Street

Teresa Scarale
Teresa Scarale
2.9.2021
Tempo di lettura: 2'
Una conseguenza del lockdown è che molti talenti della finanza sono rimasti in Cina, rimandando il loro trasferimento negli Usa. Ora la fiorente industria locale degli hedge fund e dei fondi quantitativi è disposta a sborsare cifre record pur di non lasciarseli scappare

In quattro anni la Cina ha visto crescere i suoi fondi speculativi e quantitativi di dieci volte

La spesa per la divisione ricerca e sviluppo di alcuni fondi è passata aumentata anche di cinque volte in un anno

Il sorpasso inizia dalla retribuzione: Wall Street paga 100.000, Pechino paga 300.000 (dollari). I destinatari degli emolumenti sono i migliori neolaureati o dottorati in finanza. L'esempio viene dagli hedge fund e dai fondi quantitativi cinesi ed è uno dei segni di come stia crescendo la ricchezza nell'estremo oriente. In quattro anni la Cina ha visto crescere i suoi fondi speculativi e quantitativi di dieci volte (dai Citic Securities Co.). Assumere professionisti sempre più qualificati, in grado di adoperare modelli sofisticati di analisi e di intelligenza artificiale è vitale per la sopravvivenza dell'industria nazionale del risparmio gestito.
I cervelli più brillanti iniziano a capire che non è necessario emigrare per fare carriera, e che le migliori opportunità si possono annidare anche nel proprio paese. «È importante intercettare i più bravi prima che volino all'estero», confessa a Bloomberg il 39enne fondatore dell'hedge fund Ubiquant, basato a Pechino. La crisi pandemica è venuta in soccorso di realtà come la sua, che ugualmente ad altri fondi non si è limitata ad avvantaggiarsi dell'impossibilità di viaggiare, ma ha attratto i giovani professionisti più meritevoli con stipendi d'oro. Fondi come Zhejiang High-Flyer Asset Management (10 miliardi di dollari di aum) ha assunto nel 2020 dieci ricercatori; Shanghai Minghong Investment Co. ha assunto altri dieci esperti in intelligenza artificiale. Nel solo 2021 (fino ad agosto), fondi speculativi cinesi come Perserverance hanno lanciato 334 prodotti, Lingjun 304, Ubiquant 301, Minghong 208, High-Flyer 187.

Lingjun Investment prevede di assumere 140 nuovi professionisti e ricercatori per il suo team di ricerca e sviluppo entro marzo 2022, aumentando la spesa per quella divisione a un miliardo di yuan. La media degli ultimi tre anni era invece di 200-300 milioni di yuan. Non sorprende quindi che il numero di neolaureati in finanza candidati per posizioni nei fondi speculativi in Cina sia aumentato di sei volte, andando probabilmente a compensare la cronica carenza di dipendenti nei fondi quantitativi cinesi.
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti