Mercati: vola il terziario in Italia, ma gli occhi restano sull'Asia

Rita Annunziata
5.8.2021
Tempo di lettura: '
Il terziario tricolore mette a segno la crescita più forte degli ultimi 14 anni. Cresce ancor più il manifatturiero, che sconta però le interruzioni della catena di fornitura. È l'ora del rientro degli investitori esteri in Italia?

L’allentamento delle restrizioni anti-covid e il ritorno dei viaggi internazionali, stando agli ultimi dati di Ihs Markit, hanno progressivamente liberato il flusso della domanda rimasta finora inespressa

Occhi sulle interruzioni della catena di fornitura. I problemi registrati in Asia (dove è collocata una grossa fetta della filiera di produzione) si riflettono anche nelle trimestrali dei colossi europei, come Bmw e Adidas

Antonio Cesarano: “Si tratta di indicatori un po’ particolari. Se vogliamo tradurli sotto il profilo del mercato azionario, hanno in sé il buono della ripresa ma anche i geni del rallentamento che sta per arrivare”

Nel cuore dell'estate il settore terziario tricolore mette a segno la crescita più forte degli ultimi 14 anni. L'allentamento delle restrizioni anti-covid e il ritorno dei viaggi internazionali, stando agli ultimi dati di Ihs Markit, hanno infatti progressivamente liberato il flusso della domanda rimasta finora inespressa, alimentando anche attese ottimistiche sui prossimi 12 mesi. Cresce ancor di più il manifatturiero che registra “l'ennesimo e rapido miglioramento delle condizioni”, si legge nella nota. Ma a rafforzarsi sono anche le preoccupazioni sulle interruzioni della catena di fornitura. Un aspetto che gli investitori esteri, sempre più attratti dall'Italia, sembrerebbero star attenzionando.
“I dati di Ihs Markit la dicono lunga sul boom del 2° trimestre e ben si sposano con tutta una serie di revisioni delle stime di crescita cui abbiamo assistito: il Fondo monetario internazionale ha alzato le stime per il pil italiano dello 0,7% a +4,9% nel 2021, ma se le cose andranno mediamente bene (seppur in rallentamento) potremmo raggiungere anche un +5,5%”, racconta a We Wealth Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte Sim. “Allo stesso tempo, però, si tratta di indicatori un po' particolari. Se vogliamo tradurli sotto il profilo del mercato azionario, hanno in sé il buono della ripresa ma anche i geni del rallentamento che sta per arrivare”.
Dall'altra parte del mondo, ricorda lo strategist, l'Asia sta infatti facendo i conti con una serie di problemi sulla produzione. Problemi che si riflettono anche sulle trimestrali dei colossi europei, a partire da Bmw. “Se finora sono riusciti a inseguire la forte domanda raschiando le scorte, a questo punto dovranno ridurre la produzione, se non arriveranno i rifornimenti. Lo stesso vale per Adidas, che ha registrato un ottimo 2° trimestre ma sconta ora il fatto che un terzo dei suoi prodotti siano realizzati in Vietnam, dove si sta diffondendo la variante con i conseguenti ritardi nelle consegne”, osserva Cesarano.

Quanto all'Italia, spiega, la conversione in legge del dl semplificazioni e governance e il passaggio alla Camera della riforma della giustizia dimostrano che il premier Mario Draghi “sta rispettando i tempi previsti con l'Unione europea”. Guardando per esempio ai flussi degli etf europei verso i singoli paesi, racconta Cesarano, “si è visto un picco grosso verso l'Italia a febbraio in concomitanza con l'arrivo di Draghi, poi un po' di scetticismo ad aprile, un ritorno tra maggio e giugno quando diventò chiaro che il premier fosse in grado di dialogare con il Parlamento e rispettare i tempi di consegna delle riforme previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, e infine un po' più di stasi a luglio, probabilmente in attesa di capire quanto durerà ancora l'effetto-Draghi”.

La maggiore predisposizione degli investitori esteri per la Penisola, tra l'altro, sembrerebbe trovare riscontro anche nei sondaggi. “L'ultimo di Bank of America è stato netto: quando si chiede agli investitori quale sia il loro mercato azionario europeo preferito, l'Italia spesso è al primo o al secondo posto, quasi a pari merito con la Germania”, continua Cesarano, “ma occorre comunque più chiarezza sul fronte politico”. Quanto all'accelerata del terziario, conclude, molto dipenderà dalla situazione contingente. “Stando al report di Ihs Markit, c'è stata una forte crescita nell'assunzione del personale (si parla del più sostanzioso incremento occupazionale in quasi due anni, ndr) e un'ampia ripresa della domanda, ma allo stesso tempo molte aziende hanno confermato disagi nel tenere il passo con le vendite e con le sempre maggiori pressioni sulle capacità. Anche in questo caso, come per il manifatturiero, c'è un problema di carenze. Senza dimenticare il tema dell'espansione della variante, che potrebbe incidere sulla domanda. Un rallentamento credo ci sarà: è quello che la vedetta dei tassi a lungo termine già da maggio-giugno sta iniziando a segnalare”.
Giornalista professionista, è laureata in Politiche europee e internazionali. Precedentemente redattrice televisiva per Class Editori e ricercatrice per il Centro di Ricerca “Res Incorrupta” dell’Università Suor Orsola Benincasa. Si occupa di finanza al femminile, sostenibilità e imprese.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti