Inflazione, deflazione e stagflazione: quali sono i migliori asset?

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
13.9.2022
Tempo di lettura: 3'
Le performance di obbligazioni e azioni sono molto sensibili all’inflazione, a differenza di quelle dei fattori

Dopo tre decenni di aumenti contenuti dei prezzi, l'inflazione è tornata a essere uno dei principali argomenti di discussione per gli investitori. Una concomitanza di fattori quali la riapertura delle economie dopo le prolungate chiusure legate al covid, le strozzature della catena di approvvigionamento, il forte aumento dei prezzi delle materie prime (in particolare gas e petrolio) e l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia hanno spinto l'inflazione globale ben oltre livelli confortevoli. Come si comportano le principali asset class nei diversi regimi inflazionistici?

Performance delle asset class


  • Deflazione: durante i periodi di deflazione, le azioni hanno registrato rendimenti nominali nettamente inferiori alla loro media, ma rendimenti reali superiori alla media a causa dell'inflazione negativa. Il risultato è stato simile per la liquidità, con rendimenti reali superiori alla media. Le obbligazioni hanno beneficiato di questo periodo, generando rendimenti nominali e reali superiori alla media, con quest'ultima particolarmente forte.

  • Inflazione elevata: negli intervalli di inflazione elevata, tutte le classi di attività hanno registrato rendimenti positivi, ma le azioni e le obbligazioni sono rimaste indietro rispetto alle loro medie. Ma soprattutto, tutte le asset class hanno registrato rendimenti reali negativi, non riuscendo a compensare le forti pressioni inflazionistiche.


  • Bassa inflazione: gli scenari di bassa inflazione e di lieve superamento dell'inflazione riflettono un ambiente "goldilocks", tipicamente favorevole agli asset di rischio, e che è stato lo scenario prevalente per oltre la metà del periodo campione. In linea con le aspettative, le azioni hanno registrato la performance più forte in questi periodi, ottenendo solidi rendimenti nominali e reali. Nel frattempo, le obbligazioni sono andate discretamente bene, con rendimenti nominali in linea con la loro media e solidi rendimenti reali. Per contro, i rendimenti nominali della liquidità sono stati inferiori alla media, ma positivi in termini reali.


Performance dei fattori


Gli autori dello studio hanno poi effettuato lo stesso esercizio per i premi per i fattori sia per le azioni che per i titoli di Stato, dove i rendimenti dei fattori sono le differenze di performance tra un portafoglio lungo con la massima esposizione ai fattori e un portafoglio corto con la minima esposizione ai fattori. È interessante notare come la performance dei fattori sembra non dipendere molto dal livello di inflazione, a differenza dei rendimenti delle asset class.

Il portafoglio azionario multifattoriale ha prodotto una performance abbastanza stabile in tutti e quattro i regimi. A livello di singoli fattori, la variazione dei rendimenti tra i vari scenari inflattivi è stata leggermente superiore, ma non si è mai allontanata troppo dalle medie di lungo periodo.

Il quadro dei fattori obbligazionari è analogo, in quanto hanno generato rendimenti positivi in tutti e quattro i regimi, mentre il portafoglio obbligazionario multi-fattore ha registrato una performance costantemente positiva in tutti gli scenari.

La stagflazione


Infine nello studio è stato analizzato l'impatto della stagflazione sui premi delle classi di attività e dei fattori. I rendimenti nominali (-7,1%) e reali (-16,6%) delle azioni sono stati particolarmente deboli in questi episodi. Ciò suggerisce che questa classe di attivi è una copertura insufficiente in queste occasioni. Il risultato è stato leggermente migliore per le obbligazioni, in quanto il calo dei tassi d'interesse rappresenta tipicamente un vantaggio per l'asset class, registrando un rendimento nominale del 5,1%, e uno reale del -4,4%. Complessivamente, un generico portafoglio multi-asset ha avuto difficoltà in questo scenario, producendo rendimenti nominali e reali pari rispettivamente a -2,2% e -11,7%.

Laureato in Finanza e mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, nella redazione di We Wealth scrive di mercati, con un occhio anche ai private market. Si occupa anche di pleasure asset, in particolare di orologi, vini e moto d’epoca.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti