La tassazione delle vincite da giochi online

Roberto Pellizzari, Thomas Yang
16.2.2022
Tempo di lettura: '
La digitalizzazione e lo svolgimento di attività da remoto e in modalità virtuale hanno rivoluzionato anche tutto il settore dell'intrattenimento formato dal gioco d'azzardo in genere e dai cosiddetti giochi di abilità, facilitando l'accesso di una vasta moltitudine di nuovi “giocatori”. Come vengono tassate le vincite e i premi? Esistono casi di esenzione da tassazione?
Le scommesse e le lotterie sono tra i giochi più noti e diffusi e per le rispettive vincite ottenute online possono profilarsi trattamenti fiscali differenti (taluni più gravosi di altri) a seconda delle circostanze e dei soggetti coinvolti.

In proposito, va innanzi tutto considerato che vincite, premi e riconoscimenti conseguiti in esito alla partecipazione a giochi online da parte di persone fisiche, residenti in Italia, al di fuori dell'esercizio dell'attività d'impresa, di lavoro autonomo o di un eventuale rapporto di lavoro subordinato costituiscono redditi diversi.

Tali vincite, nel caso in cui siano oggetto di pagamento da parte di un sostituto d'imposta, sono soggette a una ritenuta alla fonte a titolo d'imposta, con aliquote che variano dal 10% al 25% a seconda dei casi (per i giochi di abilità e i concorsi pronostici esercitati dallo Stato, inclusi il lotto e le lotterie nazionali, il prelievo sulle vincite è regolato da apposite leggi speciali). In tali casi il vincitore non deve riportare in dichiarazione dei redditi l'importo della vincita, avendo già subito un prelievo definitivo sulle relative somme.

Per vincite e premi online, tuttavia, talvolta l'importo della vincita non viene corrisposto da un soggetto che riveste in Italia la qualifica di sostituto d'imposta. In tali casi, sulla base di quanto indicato dall'Amministrazione finanziaria, il vincitore è tenuto a esporre l'importo della vincita nella propria dichiarazione dei redditi in base al criterio di “cassa”, assoggettando, senza alcuna deduzione, l'intero ammontare della vincita a tassazione in base alle aliquote progressive applicabili. Va poi osservato che restano fermi gli obblighi di monitoraggio fiscale nel caso di utilizzo di un conto corrente detenuto all'estero in relazione alle giocate online.
Considerazioni analoghe possono essere svolte rispetto alle vincite e ai premi ottenuti in competizioni online relative a giochi come il poker, gli scacchi e altri giochi di abilità, nonché, in generale, rispetto a premi conseguiti in tornei online di videogiochi, con la precisazione che, trattandosi di prove di abilità, la ritenuta applicata sulla vincita dal sostituto d'imposta sarà del 20%.

Va poi notato come già da alcuni anni alcune tra le più note case da gioco italiane (i cosiddetti casinò) abbiano ottenuto le concessioni necessarie per l'esercizio dei giochi pubblici a distanza e offrano la possibilità di effettuare scommesse online e di partecipare a giochi online. La scelta di queste case da gioco di offrire online le proprie prestazioni può assumere un particolare rilievo per i giocatori, alla luce del fatto che per le vincite corrisposte da case da gioco autorizzate in Italia o negli altri Stati membri dell'Unione europea è prevista l'esenzione dall'imposizione sui redditi.

Una peculiare attenzione va prestata rispetto alla partecipazione a talune simulazioni online, come nel caso del “metaverso”, dove è possibile prendere parte a giochi d'azzardo all'interno di veri e propri casinò virtuali costruiti all'interno della realtà virtuale, ma anche accumulare, sulla base delle più svariate attività, crediti virtuali oppure “token” certificabili e scambiabili con moneta virtuale convertibile in euro o dollari. Gli eventuali proventi conseguiti in tali contesti vanno valutati caso per caso ai fini fiscali, potendosi configurare fattispecie imponibili estranee non solo alle vincite ma anche all'intera categoria dei redditi diversi.

(Articolo scritto in collaborazione con Thomas Yang, di Lca Studio Legale)
Roberto Pellizzari, Thomas Yang
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Roberto è socio dello Studio e membro del dipartimento tax. Si occupa prevalentemente di fiscalità d’impresa, in ambito domestico e internazionale. Ha maturato una significativa esperienza nell’assistenza a società in materia di fiscalità finanziaria e connessa alle operazioni di M&A e real estate.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti