EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

L’Amministrazione di sostegno e l’Intestazione fiduciaria di beni | WeWealth

L’Amministrazione di sostegno e l’Intestazione fiduciaria di beni

Marco Accolla
21.6.2023
Tempo di lettura: 3'
Non è ormai infrequente la nomina di un Amministratore di sostegno in favore di persone titolari di grandi patrimoni che – per vicissitudini personali e familiari – non sono più in grado di attendervi autonomamente

Spesso l’amministrazione e gestione di valori mobiliari o partecipazioni sociali viene affidata ad un soggetto diverso dal proprietario (o “fiduciante”) che viene denominato “fiduciario”

Dare sostegno alle persone fragili

Il tema è quello del sostegno e della tutela delle persone fragili, sovente oggetto di attenzione da parte del nostro legislatore, anche in considerazione del costante aumento dell’aspettativa di vita e di un sempre maggiore interesse nei confronti delle disabilità e delle patologie connesse alla senilità. 

La molteplicità delle esigenze di protezione così emerse è stata spesso ricondotta ad unità attraverso il ruolo dell’Amministratore di sostegno, quale figura espressamente prevista dal nostro ordinamento a tutela delle persone prive in tutto o in parte di autonomia nello svolgimento delle funzioni della vita quotidiana, attraverso interventi di supporto temporanei o permanenti. 

La scelta dell’Amministratore di sostegno rappresenta – dunque – il momento più importante e delicato di tutta la procedura in quanto il giudice dovrà individuare la persona adatta a salvaguardare, meglio di ogni altra, gli interessi personali, sanitari e patrimoniali di colui che beneficerà della misura

La trasversalità della menzionata esigenza di tutela, peraltro, rende consigliabile che la scelta dell’Autorità sia fondata su di un intuitus personae che trova solide fondamenta in elementi caratterizzanti la realtà della persona da proteggere. 

La rappresentanza del Beneficiario conferita all’Amministratore con il decreto di nomina e gli eventuali successivi provvedimenti del Giudice Tutelare, impone, in altre parole, che chi riveste tale ruolo sia in grado di sostenere le pregresse scelte personali e patrimoniali intraprese dal tutelato portandole alle naturali conseguenze condivise, sino a dove possibile, con quest’ultimo. 


Quali sono le implicazioni patrimoniali?

Limitandosi al versante patrimoniale che è qui di interesse, non è ormai infrequente la nomina di un Amministratore di sostegno in favore di persone titolari di grandi patrimoni che – per vicissitudini personali e familiari – non sono più in grado di attendervi autonomamente

In questo caso gli obiettivi di protezione della misura dovranno collimarsi con quelli perseguiti da strumenti eventualmente già impiegati a tutela della ricchezza, quali il fondo patrimoniale, il trust, il patto di famiglia, la società holding e l’intestazione fiduciaria. 

Quest’ultima, in particolare, implica che l’amministrazione e gestione di valori mobiliari o partecipazioni sociali venga affidata ad un soggetto diverso dal proprietario (o “fiduciante”) che viene denominato “fiduciario” il quale, a mezzo di un contratto che viene condiviso solamente con l’Amministrazione Finanziaria, diviene intestatario dei beni del primo segregandoli così in un patrimonio separato. 

Si tratta di società autorizzate dal ministero dello Sviluppo Economico, che offrono servizi di gestione patrimoniale e che esercitano i diritti del proprietario secondo le istruzioni di quest’ultimo, che comunque rimarrà ignoto ai terzi. È uno strumento privatistico di tutela del patrimonio che facilita il trasferimento dei beni garantendone la riservatezza, con cui il sopravvenuto Amministratore di Sostegno, esercitando i diritti facenti capo al fiduciante, dovrà rapportarsi per garantire che l’attività del medesimo continui a seguire le originarie istruzioni fornite dal Beneficiario. 

Ottenere il miglior vantaggio (anche patrimoniale) per chi ha bisogno di tutele

Il connubio tra i due istituti può costituire una soluzione ottimale per la tutela del fiduciante successivamente colpito da disabilità o dalle fragilità connesse all’età senile. La misura legale di protezione gode, infatti, del supporto fornito dallo strumento privatistico che, attraverso una tutela specialistica del patrimonio conferito, agevola anche quella della persona che ha sottoscritto il mandato fiduciario.  

L’Amministratore di sostegno, infatti, ai sensi dell’art. 374 c.c. potrà rivolgersi direttamente al Giudice Tutelare per ottenere espressa autorizzazione a richiedere all’ente fiduciario l’erogazione periodica di fondi volti a soddisfare le sopravvenute esigenze di cura (medica ed assistenziale) o comunque di vita del beneficiario/fiduciante qualora le risorse finanziare nella diretta disponibilità di quest’ultimo non si rivelino sufficienti. Un ulteriore aspetto interessante in materia è emerso da alcuni recenti arresti dell’Autorità Tutelare che in più occasioni autorizzava espressamente l’Amministratore di sostegno a richiedere all’ente fiduciario i fondi necessari per procedere al pagamento delle ultime debenze maturate dal beneficiario fiduciante in concomitanza al decesso di quest’ultimo. 

Il decreto immediatamente esecutivo emesso dal Giudice Tutelare veniva, infatti, trasmesso in copia conforme all’originale alla Fiduciaria che considerava il provvedimento aderente alle istruzioni impartite dal de cuius all’atto di conferimento del proprio mandato e procedeva immediatamente all’esecuzione dello stesso. 

L’utilizzo combinato dei due strumenti consentiva un’agevole gestione del periodo intercorrente tra la morte del fiduciante e l’intervento degli eredi, evitando che gli oneri derivati dalla vita sino ad allora condotta dal de cuius (quali: TFR del personale assistenziale, cure mediche specialistiche, canone dell’immobile condotto in locazione etc.) gravasse ancora sul patrimonio destinato a questi ultimi. Un vero sostegno nel garantire che le scelte personali continuino a determinare concretamente il percorso di chi le ha intraprese.


    LE OPPORTUNITÀ PER TE.     Come proteggere al meglio chi ha bisogno di assistenza e cure?     Quali sono i vantaggi e gli aspetti principali della Fiduciaria?     Gli esperti selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi.     RICHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Managing Partner di Accolla e Associati, ha acquisito una solida competenza in tutte le aree del diritto finanziario e della gestione patrimoniale per conto di privati o su incarico giudiziale. Presidente della trust company “Personal Officer s.r.l.” specializzata nella consulenza avanzata in materia di pianificazione patrimoniale e fiscale per individui e famiglie, con particolare approfondimento in tema di trust e di passaggio generazionale.
Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Milano, presidente della Commissione Specializzazioni Forensi e componente dalla Commissione Persone Famiglia e Minori dell’Ordine degli Avvocati di Milano.
Fondatore e Presidente di ANITA, associazione nazionale italiana tutori e amministratori di sostegno. Vicegovernatore Lions, organizzazione di servizio per la realizzazione di iniziative benefiche a favore di soggetti deboli e bisognosi di sostegno.

Cosa vorresti fare?