La filantropia è delle donne o degli uomini?

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
25.11.2021
Tempo di lettura: 2'
I dati di un recente report di Citi mostrano la crescente importanza e peso delle donne nelle attività filantropiche, ma vi sono aspetti che ancora ne limitano l'influenza
Le donne donano più spesso e di più. Ma non è solo il quanto, è il come a emergere nel report di Citi Philanthropy and The Global Economy. Molteplici studi confermano che le donne sono più propense a donare, e in misura maggiore, rispetto agli uomini. Le donne rappresentano solo il 10% dell'intera popolazione high net worth individual (hnwi), ma secondo Charities Aid Foundation rappresentano il 14% dell'ammontare complessivo.
Un impatto positivo sull'ammontare delle donazioni lo ha in generale il matrimonio, in quanto acceleratore delle relazioni sociali. L'effetto amplificatore sulla filantropia in questo caso però è più forte sugli uomini che sulle donne.

Le donne hnw controllano oggi già 11.000 miliardi di asset. Entro il 2025, il report stima che il 60% dei miliardari sarà donna. Questo perché le donne erediteranno il 70% della ricchezza intergenerazionale entro il 2035, con potenziali effetti benefici sullo scenario filantropico. Come dimostra per esempio l'attività di MacKenzie Scott (l'ex moglie di Jeff Bezos ora diventata una sfrenata filantropa), le donne tendono rispetto agli uomini a donare a un maggior numero di enti, con una conseguente diluzione dell'ammontare singolo delle donazioni. Un aspetto che secondo alcuni diminuisce il potere e l'influenza delle donne in quanto donatrici.

La pandemia ha esacerbato diseguaglianze riducendo l'accesso all'istruzione e aumentando gli squilibri di genere. Ma il decennio appena iniziato potrebbe segnare un punto di svolta nelle elargizioni filantropiche: entreranno infatti a far parte della classe media 2,4 miliardi di persone entro il 2030, la cui spesa complessiva sarà di 64.000 miliardi di dollari. Ipotizzando che lo 0,5% del patrimonio sia destinato alle donazioni, queste aumenteranno di 319 miliardi all'anno.
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti