Polizze Unit Linked: contratto assicurativo o strumento finanziario?

Serena Pietrosanti
Serena Pietrosanti
12.7.2021
Tempo di lettura: '
Il lungo dibattito giurisprudenziale in merito alla natura delle polizze “unit-linked”, e la loro qualifica alla stregua di contratti assicurativi ovvero di strumenti finanziari, torna all'attenzione dei giudici della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia che si pronunciano a favore del contribuente
La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia si era già espressa nel 2019 con la sentenza n. 2091/15/2019, depositata in data 16 maggio 2019, nella quale i giudici avevano sancito che tali contratti assicurativi avevano natura di strumenti finanziari di investimento. La Commissione, in sintesi, riteneva del tutto evidente la natura finanziaria del prodotto assicurativo “essendo istituzionalmente finalizzato a massimizzare l'investimento nonostante preveda, in caso di morte del sottoscrittore, un plus dell'1% sul premio pagato”, nonché in considerazione delle caratteristiche proprie del contratto, del tutto assimilabili a quelle tipiche dei prodotti finanziari.
La suddetta pronuncia si conformava alla sentenza emessa dalla Suprema Corte di Cassazione n. 6319 del 5 marzo 2019, la quale aveva escluso il ricorrere della fattispecie negoziale del contratto di assicurazione quando l'assicuratore non assume alcun rischio demografico o finanziario, ovvero lo assume in misura modesta. In particolare, la Suprema Corte si era soffermata sul concetto di prodotto assicurativo asserendo che si è in presenza di quest'ultimo solo se vi è un rischio assunto dall'assicuratore e non quando si tratti di uno strumento finanziario, il cui rischio di performance sia per intero addossato all'assicurato.
Tale approccio, pro-fisco, è stato del tutto ribaltato con le recentissime sentenze della Ctr Lombardia n. 1864/14/2021 e 1865/14/2021 del 17 maggio 2021.

La Commissione, discostandosi dall'orientamento affermatosi nel 2019, ha sostenuto la qualifica delle polizze “unit-linked” alla stregua di contratti assicurativi e non di strumenti finanziari.

Il caso di specie riguardava un accertamento con cui l'Agenzia delle Entrate contestava l'omessa esposizione nel quadro RW della dichiarazione dei redditi delle attività finanziarie estere nelle quali era stato investito il premio pagato dal contraente in relazione ad un prodotto assicurativo vita sottoscritto con una società lussemburghese operante in Italia in regime di libera prestazione di servizi, nonché l'omesso versamento dei redditi di capitale prodotti da tali attività finanziarie. L'Agenzia delle Entrate asseriva, infatti, che la polizza fosse equiparabile ad uno strumento finanziario - da cui derivano redditi di capitale da assoggettare a tassazione anno per anno - data l'assenza della garanzia circa la restituzione del capitale e del cosiddetto «rischio demografico», elementi ritenuti incompatibili con la natura assicurativa del prodotto.

Di contro, il contribuente sosteneva che le polizze “unit-linked” rientrassero a pieno titolo nella categoria dei contratti assicurativi, anche in considerazione del regime regolamentare alle stesse applicabile in ambito sia nazionale che comunitario.

  •  A livello nazionale, infatti, il Codice delle Assicurazioni Private (art. 2 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209) annovera tra i contratti di assicurazione sulla vita anche quelli la cui esecuzione è direttamente collegata al valore delle quote dei fondi comuni di investimento, dei fondi interni o degli indici o di altri valori finanziari in cui è investito il premi pagato dal contraente. Gli aspetti distintivi delle polizze assicurative “unit-linked”, oltre ovviamente agli elementi tipici delle polizze vita (ex art. 1882 c.c.), sono proprio quelli relativi alla gestione dei premi versati alle imprese di assicurazione e comprendono: la selezione in base al profilo di rischio del contraente tra diversi indirizzi di gestione, nonché la possibilità di modificare il peso degli indirizzi di gestione (c.d. "switch"), previa approvazione della compagnia, che ne valuta l'adeguatezza in funzione del profilo di rischio.


 

  •  A livello europeo, la Direttiva 2016/97/UE conferma che anche i contratti di assicurazione c.d. unit-linked emessi da imprese di assicurazione che operano nel ramo III sono contratti di assicurazione sulla vita a prescindere dalla sussistenza o meno di garanzie di copertura del rischio finanziario. Sul tema anche la Corte di Giustizia dell'UE ha confermato l'assoluta legittimità della traslazione del rischio finanziario dalla compagnia di assicurazioni al contraente e la perfetta qualificazione del contratto come assicurativo anche laddove non sia prevista alcuna garanzia di restituzione o di rendimento minimo.

Ed è proprio alla normativa civilistico-regolamentare ed alla giurisprudenza comunitaria che la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia si conformano nei due recenti arresti. In particolare, la Commissione si sofferma sulla sentenza resa dalla Corte di Giustizia nella causa C-542/16 del 2018 ove è stato sostenuto che “per rientrare nella nozione di «contratto di assicurazione», di cui all'articolo 2, punto 3, della direttiva 2002/92, un contratto di assicurazione sulla vita di capitalizzazione, come quello di cui ai procedimenti principali, deve prevedere il pagamento di un premio da parte dell'assicurato e, in cambio di tale pagamento, la fornitura di una prestazione da parte dell'assicuratore in caso di decesso dell'assicurato o del verificarsi di un altro evento di cui al contratto in discorso”.

In sintesi, affinché le polizze “unit-linked” rientrino nella nozione di contratto assicurativo, sono necessari (e sufficienti):

i) il pagamento di un premio da parte dell'assicurato;
ii) la prestazione dell'assicuratore in caso di decesso del primo o di altro evento previsto.

Non è invece necessario, a differenza di quanto sostenuto dalla giurisprudenza nazionale del 2019, valutare la ripartizione del rischio finanziario.
Pertanto, la Ctr Lombardia, conformandosi all'orientamento espresso dalla CGUE, ha aggiunto un ulteriore tassello all'annosa diatriba nazionale inerente la qualificazione delle polizze “unit-linked” ed il regime fiscale alle stesse applicabile.
Invero, a parere della Commissione le seguenti caratteristiche – tipiche dei contratti “unit-linked” – non costituiscono un ostacolo al riconoscimento della natura assicurativa delle polizze in oggetto anche ai fini fiscali:

  •  mancanza di certezza sull'importo del capitale rimborsato;

  •  assenza di premi costanti pagati dall'assicurato;

  •  mancata assunzione del rischio demografico;

  •  selezione dei vari approcci di gestione in base al profilo di rischio del contraente;

  • modifica del peso degli indirizzi di gestione ("switch" tra fondi sottostanti).

In conclusione, le recentissime pronunce oggetto del presente contributo offrono una importante conferma sulla natura assicurativa delle polizze “unit-linked” ma, soprattutto, reimpostano il tema del contendere: la qualificazione di un prodotto/contratto ai fini fiscali non può, infatti, prescindere dalla disciplina civilistica e regolamentare allo stesso applicabile (a meno che non esista una definizione tributaria ad hoc applicabile allo stesso). Corretto è dunque il processo logico seguito dalla Commissione Tributaria Regionale ove fonda la propria analisi fiscale sulla conformità delle polizze in parola con la disciplina civilistica domestica e comunitaria e, su tali basi, conferma l'applicabilità in toto della disciplina fiscale prevista per i contratti di assicurazione.

Si ricorda, infatti, che a differenza degli investimenti in altri strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, quote di fondi di investimento), per i quali è prevista la tassazione dei redditi da questi realizzati in base al principio di cassa e l'impossibilità di compensare redditi di capitale e minusvalenze da questi realizzate, i contratti di assicurazione beneficiano di un trattamento di particolare favore.

Il regime fiscale applicabile ai contratti di assicurazione, infatti, consente di differire la tassazione dei proventi generati dalla polizza (rectius: dagli investimenti ad essa sottostanti) al momento del riscatto ovvero del pagamento della prestazione caso vita o caso morte (in quest'ultimo caso con l'ulteriore beneficio dell'esenzione sulla quota di prestazione afferente la copertura del rischio demografico), consente di compensare i redditi di capitale e le minusvalenze generate dagli strumenti finanziari in cui è investito il premio, nonché prevede la possibilità di applicare in ogni caso l'imposta sostitutiva del 26% all'intero reddito di capitale percepito indipendentemente dalla composizione del sottostante (che potrebbe includere anche strumenti finanziari soggetti ad aliquota marginale Irpef).
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Serena Pietrosanti è Counsel del dipartimento di diritto tributario e in Hogan Lovells dal 2003 con il quale ha iniziato a collaborare dopo un’esperienza di oltre 9 anni in una delle Big Four con il ruolo di senior manager.

La sua attivista spazia dall'assistenza fiscale ordinaria a gruppi multinazionali, alla consulenza ad importanti gruppi in operazioni di riorganizzazione o acquisizione cross-border.

Serena ha conseguito la laurea in Economia e Commercio all'Università "La Sapienza" di Roma nel 1992. E' Dottore Commercialista dal 1993 e Revisore Contabile dal 1999. Si occupa, da oltre 25 anni, di assistenza fiscale a società italiane e gruppi multinazionali.

Serena è frequentemente invitata in qualità di relatrice a numerosi convegni e seminari. Insegna, su temi fiscali presso il Master in Diritto d'Impresa della LUISS "Guido Carli" e il Master Diritto e Impresa della Business School de Il Sole 24 Ore. Ha collaborato alla stesura di numerosi volumi. Fra i quali: "Private Equity and Venture Capital – Regulation and Good Practice " pubblicato da AIFI.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti