I 10 re della finanza: ecco chi sono i paperoni di Wall Street

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
1.4.2022
Tempo di lettura: 2'
Warren Buffet e non solo. Ecco chi sono, secondo Forbes, i dieci paperoni di Wall Street in cima alla classifica degli uomini più ricchi del mondo
Non solo tech: anche la finanza ha i suoi re rivestiti d'oro. Tra i vari Bezos, Musk, Zuckerberg, nella classifica degli uomini più ricchi del mondo compaiono infatti molti nomi che hanno domicilio a New York, più precisamente a Wall Street, proprio lì dove il denaro non dorme mai. Ecco chi sono, stando agli ultimi dati Forbes, i dieci uomini più ricchi che, da poco - vedi Sam Bankman-Fried - o da tanto - vedi Warren Buffet - anno dopo anno accrescono la loro fortuna con la finanza.
Warren Buffet – 119,1 miliardi di dollari

Sopranominato il Mago di Omaha, Warren Buffet è una leggenda nel mondo della finanza. Le sue fortune sono dovute alla sua holding, la Berkshire Hathaway, che nel tempo, basando la sua attività sulla massima d'investimento del value investing postulata da Benjamin Graham, si è rivelata essere una macchina da soldi, diventando una delle più grandi società americane e al mondo. La sua capitalizzazione di mercato attualmente è di quasi 800 miliardi di dollari.

Stephen A. Schwarzman - 33,2 miliardi di dollari

Presidente, amministratore delegato e co-fondatore, insieme a Peter Peterson, di Blackstone, una delle principali società di investimento al mondo con 881 miliardi di dollari di patrimonio in gestione. Inizialmente una boutique di consulenza su fusioni e acquisizioni, Blackstone è cresciuta fino a diventare la più grande società di buyout del mondo. Schwarzman è anche un filantropo attivo in diversi ambiti dall'istruzione alla cultura, passando per le arti.

Jim Simons - 28,6 miliardi di dollari

Professore di matematica, lasciò l'università nel 1978 per creare il suo fondo d'investimento a cui seguì quattro anni dopo la Renaissance Technologies Corporation, una società privata di investimento con sede a New York che ad oggi gestisce oltre 130 miliardi di dollari. Il King of Quant - come è stato ribattezzato per l'utilizzo di complessi modelli matematici per analizzare ed eseguire operazioni - nel 2006 fu ribattezzato dal Financial Times come il miliardario più intelligente.
Ken Griffin - 27,2 miliardi di dollari

Ha fondato e dirige Citadel, una società di hedge fund con sede a Chicago che gestisce circa 43 miliardi di dollari di asset. È il fondatore anche di Citadel Securities, una delle più grandi società di market-making di Wall Street. Durante la pandemia, Griffin ha finanziato il salvataggio di 800 cittadini statunitensi da Wuhan da parte del Dipartimento di Stato e ha donato 45 milioni di dollari a iniziative comunitarie in città come Chicago e Miami. Nel gennaio 2021, Griffin ha attirato critiche per il ruolo svolto da Citadel nella stretta di GameStop

Sam Bankman-Fried - 24 miliardi di dollari

Figlio di due professori di legge di Stanford e laureato al MIT, Sam Bankman-Fried è il giovane under 30 più ricco al mondo e, eccezion fatta per Mark Zuckenberg, è stato il più precoce ad accumulare così tanta ricchezza. È il fondatore di Ftx, exchange di criptovalute che permette ai trader di acquistare e vendere asset digitali come bitcoin ed ethereum, e di Alameda research, società attiva nel trading. In tutta la sua vita risulta che abbia destinato alla beneficenza 25 milioni di dollari. Il suo motto: “guadagnare per donare”.

R.Budi Hartano - 23,5 miliardi di dollari

Magnate indonesiano del tabacco che ha accresciuto la sua ricchezza tramite giusti investimenti. Proprietario di Djarum, colosso produttore di sigarette ereditato dal padre, Budi, insieme a suo fratello Michael, ha ottenuto la maggior parte della sua fortuna dalla sua quota Bank Central Asia, acquisita durante la crisi economica asiatica del 1997-1998,  dopo che un'altra ricca famiglia, i Salim, perse il controllo della banca.
Guillaume Pousaz - 23 miliardi di dollari 

Ha fondato Checkout.com nel 2012 con l'intento di risolvere il problema dell'elaborazione dei pagamenti online per i negozi e gli acquirenti di tutto il mondo. In un certo senso ci è riuscito, convincendo il mercato della bontà del suo progetto. Nel gennaio 2022, Checkout.com ha infatti raccolto 1 miliardo di dollari da investitori privati, valutando l'azienda a 40 miliardi di dollari. La pandemia, per stessa ammissione della società, è stata una manna dal cielo per i conti di Checkout.com e il portafoglio di Pousaz: il volume di elaborazione dei pagamenti della società è triplicato nel 2020 rispetto all'anno precedente.

Ray Dalio - 22 miliardi di dollari

È il fondatore della più grande società di hedge fund del mondo, Bridgewater Associates, i cui fondi gestiscono più di 154 miliardi di dollari. Si dice che la passione di Ray Dalio per la finanza abbia origine lontane. Vissuto a Long Island in un contesto agiato, ha iniziato  a giocare sui mercati all'età di 12 anni, ricevendo consigli dai golfisti per i quali faceva il caddie. Poi la laurea, e dopo un MBA alla Harvard Business School, nel 1975, dal suo appartamento di New York City, l'avvia dell'attività imprenditoriale che l'ha portato ad essere una delle leggende sacre di Wall Street. Secondo Forbes, Dalio ha dato circa 1 miliardo di dollari a cause filantropiche

Abigail Johnson - 22,8 miliardi di dollari

Beata tra gli uomini, Abigail Johnson si posiziona al nono posto nella classifica dei Paperoni di Wall Street. Dal 2014 è il ceo di Fidelity Investments, dopo avere preso il posto di suo padre alla guida del colosso della finanza. Fondata da suo nonno Edward Johnson II, nel lontano 1946, Fidelity è arrivata a gestire la cifra mostre di 4,2 mila miliardi di dollari. Abigail, entrata in Fidelity come analisti nel 1988 dopo aver ottenuto un MBA ad Harvard, ora possiede una quota stimata del 24,5% dell'azienda.

Daniel Gilbert - 21,1 miliardi di dollari

Uomo d'affari, investitore e filantropo americano. Ha co-fondato nel 1985 a soli 22 anni Quicken Loans, società che negli anni sarebbe diventata il più grande prestatore di mutui degli Stati Uniti. Nel 2020, anno in cui ha originato 320 miliardi di dollari in mutui, la società si è quotata in borsa, con una valutazione di 36 miliardi di dollari. È anche il fondatore di Rock Ventures e dekla piattaforma di vendita di sneaker online StockX, che è diventata un unicorno nel giugno 2019 ed è ora valutata 3,8 miliardi di dollari. Infine detiene la proprietà anche della squadra di basketball Cleveland Cavaliers, militante nel Nba.
Laureato in Finanza e mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, nella redazione di We Wealth scrive di mercati, con un occhio anche ai private market. Si occupa anche di pleasure asset, in particolare di orologi, vini e moto d’epoca.

Cosa vorresti fare?