EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Gender equality: una strada ricca di opportunità per gli investitori | WeWealth

Gender equality: una strada ricca di opportunità per gli investitori

Matilde Sperlinga
14.6.2023
Tempo di lettura: 3'
L’equità di genere è ancora ben lontana dall’essere ottenuta, anche gli investitori devono prendere parte al cambiamento, ma perché investire in aziende che promuovono una maggiore inclusività? Vediamolo con Lazard Asset Management

Parlare di donne al potere è di stretta attualità considerando che diversi paesi – tra cui l’Italia e la Finlandia - e importanti istituzioni, come Commissioni Europea e Parlamento Europeo, sono presieduti da donne. Ma mettere la bandiera ‘rosa’ sulla vetta significa aver risolto anche tutti i problemi sottostanti, dalle disuguaglianze ai gap salariali? Ad oggi la risposta è ancora negativa.

Le donne rimangono sottorappresentate se si va a guardare le posizioni di potere e non dipende dal livello di educazione. Se ad esempio guardiamo al panorama europeo che, dal punto di vista della gender diversity è all’avanguardia rispetto ad altre aree del mondo, il 60% dei nuovi laureati è donna, eppure il tasso di disoccupazione femminile in età lavorativa è al 66%, stando ai dati dell’Eurostat. Un gap quindi che continua a essere presente e per cui, secondo l’ultimo Global gender gap report 2022 del World Economic Forum, saranno necessari altri 131 anni prima di colmarlo.


Ma come mai il discorso sulla parità di genere sta diventando sempre più centrale? Marina Leacock, Portfolio Manager per il fondo Minerva Gender Diversity di Lazard Asset Management, sottolinea come la diversità di genere non solo sia fondamentale per massimizzare i talenti, ma sia ormai diventata una necessità, infatti “una maggiore diversità di genere porta a una più alta produttività finanziaria”. Questo è vero sia a livello globale, con ad esempio il Pil pro capite europeo che aumenterebbe del 9,6% (circa 3mila miliardi di euro) entro il 2050 in caso di perfetta uguaglianza di genere, stando ai dati dell’Istituto europeo per le politiche di genere, sia per le singole aziende. L’esperta ha deciso di mettere in luce tre aspetti che rendono l’inclusività un tema imprescindibile per gli investitori, infatti le aziende inclusive:

  1. Hanno migliori performance, aumentando la produttività e spingendo verso l’innovazione, rompendo lo status quo
  2. Hanno performance più sostenibili e sono meglio allineate agli obiettivi Esg (economici, sociali e di governance)
  3. Hanno un forte sviluppo economico e sociale, secondo le stime di McKinsey, le aziende che si collocano nella top 25% per diversità di genere, hanno il 15% di probabilità in più di ottenere risultati migliori.


Tutte caratteristiche che rendono questa tipologia di imprese molto interessanti per gli investitori che guardano al lungo periodo.


Diversità: è tempo di cambiamenti

La differenza tra uomini e donne nel mondo del lavoro è innegabile, per riuscire a superarla è fondamentale che i governi scendano in prima linea ed è proprio quello che sta facendo l’Unione Europea: alla fine del 2022 il Parlamento Europeo ha imposto a tutte le società quotate in UE di avere un minimo di 40% di donne nei loro consigli di amministrazione o almeno un terzo di donne in funzioni amministrative entro il 2026. Si tratta solo di un primo passo e sarà necessario tempo prima di un cambiamento completo, anche gli investitori devono giocare la loro parte, ma come selezionare le aziende già inclusive o che si stanno impegnando in tal senso?

Non si tratta di un compito semplice, infatti ad oggi i dati relativi alla diversità di genere sono incompleti, senza misurare lo stipendio o il background culturale che fa da sfondo all’azienda, anche perché in molti paesi non è ancora obbligatorio rendere pubblici questi dati.

Marina Leacock ritiene che sia necessario fare una profonda scrematura tra le aziende nel mercato seguendo tre criteri, ovvero considerando principalmente le imprese in cui il 30% del board è composto da donne, il 15% del comitato esecutivo è composto da donne e dove vi è un piano preciso e ben articolato sull’inclusione femminile.

Applicando questi filtri, solo 200 aziende risultano investibili. È però importante sottolineare che non si tratti di limiti irremovibili: se un’azienda al momento non soddisfa ancora a pieno i primi due canoni, non verrà esclusa a priori, ciò che è fondamentale è l’intenzione di migliorare.


L’importanza dell’engagement

La strategia Lazard Minerva Gender Diversity cerca proprio di aiutare gli investitori nella selezione delle aziende più interessanti dal punto di vista dei guadagni, ma anche da quello dell’inclusività, ovvero con un impegno attivo chiaro e dimostrabile nei confronti della parità di genere. Un altro aspetto fondamentale è quello dell’engagement: “Ci impegniamo attivamente con le aziende, il nostro lungo orizzonte di investimento ci consente di instaurare partnership a lungo termine con le aziende, permettendoci di guidare, influenzare e accelerare il ritmo del cambiamento”, spiegano gli esperti di Lazard AM. Incrementare il livello di uguaglianza è un obiettivo che non ha confini geografici né settoriali. Dal loro punto di vista è importante controllare tutti quei paesi fortemente gerarchici, dove la trasformazione richiederà molto tempo e, probabilmente, incontrerà molte resistenze e lo stesso vale per il settore tech dove, a parti grandi gruppi come Microsoft, sembra che la strada da fare sia ancora molta e in salita.


Questo articolo è fornito dalla filiale italiana di Lazard Asset Management (Deutschland) GmbH ("LAM"). Si tratta di un documento pubblicitario a solo scopo informativo e non costituisce una consulenza d'investimento. Questo articolo si basa su dati e informazioni che LAM considera affidabili. LAM non si assume alcuna responsabilità per la correttezza dei dati. Le dichiarazioni previsionali qui riportate rappresentano il giudizio alla data del presente articolo. Le opinioni espresse in questo articolo sono soggette a modifiche senza preavviso. Né LAM né le sue società associate accettano alcuna responsabilità per l'uso di questo articolo o del suo contenuto. Le dichiarazioni previsionali includono elementi materiali di giudizi e analisi soggettivi ed eventuali modifiche degli stessi e/o la considerazione di vari fattori aggiuntivi che possono avere un effetto materiale sui risultati menzionati. I risultati effettivi possono quindi differire materialmente da quelli contenuti nel presente articolo. Né questo articolo né il suo contenuto né una copia di questo articolo possono essere modificati in alcun modo o distribuiti o trasmessi a terzi senza la previa autorizzazione esplicita di LAM. Solo per investitori professionali. Lazard Asset Management (Deutschland) GmbH Milano Office, Via Dell'Orso 2 - 20121 Milano

Cosa vorresti fare?