Come investono i millennials? Tra internet, sostenibilità e salute

Matilde Sperlinga
22.11.2022
Tempo di lettura: 3'
Il futuro della finanza si trova nelle tasche dei millennials, che assumono così un ruolo centrale per i consumi e il mondo degli investimenti. Ma come si comportano e quali sono i settori di loro maggior interesse?

Si tratta della generazione che finora ha segnato la più grande ondata demografica della storia recente e quella che nel prossimo futuro si ritroverà in possesso della maggiore ricchezza. Sono i millennials. Sarà proprio nelle loro tasche che finiranno, entro il 2042, oltre 70mila miliardi di dollari messi da parte dalla generazione prima di loro, quella dei baby boomers, secondo le stime del Wall Street Journal.

Il momento giusto per aprire il mondo della finanza ai millennials, quindi, inizia già da ora. “Le abitudini di spesa di questa generazione sono completamente differenti da quelle precedenti”, secondo gli esperti di Goldman Sachs Asset Management. E proprio per questa ragione, è necessario che i professionisti del risparmio e degli investimenti adottino un approccio diverso, che parta dagli interessi e dai desideri specifici di questa generazione, identificata con la sigla Y.


Dall’offline all’online in pochi secondi

L’innovazione tecnologica rappresenta una forza dirompente per i millennials, che hanno vissuto il boom di internet e che oggi sperimentano un mondo iperconnesso, senza confini temporali o geografici. Una rivoluzione, vissuta in prima persona dalla generazione Y, che si riflette anche nei loro comportamenti e abitudini di spesa, basti pensare al boom dell’e-commerce degli ultimi decenni. “I millennials stanno diventando la principale fonte di ricchezza e di spesa dell’economia globale in una fase di trasformazione tecnologica senza precedenti - sottolineano da Goldman Sachs Asset Management – Le loro priorità di spesa radicalmente diverse creano nuove opportunità e rischi per le imprese”.


Uno sguardo al futuro, ma che sia green

Ma non solo tecnologia. Anche offrire opportunità alle imprese più innovative in ottica green è uno degli obiettivi che stanno più a cuore alla generazione Y. Insomma, è impossibile parlare di futuro senza accostarci la parola sostenibilità. “Le aziende che non riconoscono l’importanza che i millennials attribuiscono alla sostenibilità possono essere influenzate negativamente da questo cambiamento”, aggiunge Goldman Sachs Asset Management. È quindi fondamentale per le imprese implementare dei cambiamenti chiari verso il mondo green.


Salute e benessere come priorità

Uno stile di vita sano ed equilibrato rappresenta una delle priorità per la generazione Y. Basti pensare che il 12% dei millennials americani ha deciso di adottare una dieta vegana o vegetariana, secondo i dati di Statista. Nonostante possa sembrare un dato basso, bisogna ricordarsi che solo l’1% della generazione precedente è vegana. Il cambio di abitudini alimentari, con ricadute importanti sull’industria del cibo, si accosta alla ricerca del benessere in generale. Tra i millennials infatti aumenta anche l’attenzione per la salute e in particolare l’utilizzo della tecnologia nel comparto medico, dalla genomica alla biologia sintetica con l’obiettivo di raggiungere un futuro caratterizzato da una società sana a lungo termine.


Insomma, si tratta di una generazione che racchiude nuove tendenze, da inseguire anche sul fronte investimenti. “Questa fascia di popolazione – conclude la casa di gestione americana – si appresta a diventare la principale fonte di ricchezza e di consumi per l’economia globale, crediamo che le loro preferenze e caratteristiche distintive possano catalizzare interessanti opportunità di investimento”.

Ecco perché Goldman Sachs Asset Management approfondirà questo tema nel corso dell’evento “Come investono i millennials? Il Wealth Management alla prova della Gen Y”, organizzato da We Wealth, in agenda il prossimo 29 novembre. Per registrarsi e partecipare all’evento clicca qui.


Approfondisci qui la visione di Goldman Sachs Asset Management

Cosa vorresti fare?