Banca Akros: un anno di successi per i certificati. Le sfide del 2024

Valeria Panigada
5.12.2023
Tempo di lettura: 3'
I certificati di investimento di Banca Akros festeggiano il primo anno di quotazione diretta sul mercato. Ecco come è andata e quali saranno i prossimi passi.

Se dicembre è tempo di bilanci, quello che si sta per chiudere è stato un anno di successo per Banca Akros (Gruppo BPM) che si proietta al 2024 con oltre 160 certificati di investimento emessi. Tra l’altro quest’anno i suoi certificati festeggiano il primo anno di quotazione diretta sul mercato. Ma non solo. Banca Akros si è distinta sul mercato per la sua offerta innovativa, con il suo Accelerator Coupon che ha riscosso un forte successo, oltre che per un’intensa attività di formazione, che ha contribuito a consolidare la sua reputazione. Insieme ad Alessandro Galli, Investment Products Sales di Banca Akros, ripercorriamo i passi più importanti di questo percorso e scopriamo i prossimi.


Banca Akros si è unita agli altri emittenti nella strutturazione di Certificates quotati direttamente sul mercato a partire dal 2022. Come mai questa scelta e quali sono state le attività svolte inizialmente per lo sviluppo di questo business?

È stato grazie all’avvio delle attività relative al direct listing che ho avuto l’occasione per entrare, nel maggio 2022, in Banca Akros. Quando sono arrivato la maggior parte del lavoro era già stato svolto dai miei attuali colleghi: la filiera era pronta sia a livello operativo che normativo. La parte da sviluppare, una delle più importanti per questo canale di vendita, era la filiera commerciale, ossia stipulare tutti quegli accordi commerciali che consentono la promozione dei Certificati e lo sviluppo del mercato.


Questa attività è stata accompagnata da una campagna creativa culminata nel “cervello tecnologico”, cosa significa?

Sì. Tra i primi miei incarichi ricordo quello di sviluppare con i team di marketing e comunicazione del Gruppo Banco BPM la creatività per la campagna di lancio di Akros nel mondo del direct listing, che sarebbe poi servita come base grafica per le campagne prodotto. Il risultato è stato il “cervello digitale”: simbolo di intelligenza, storia, cultura, evoluzione e digitalizzazione, accompagnato dai “più”, simbolo di Banca Akros che rappresentano il valore aggiunto.


E siete riusciti a portare questo valore aggiunto?

Altroché: in meno di due anni abbiamo emesso oltre 160 prodotti e ci siamo fatti conoscere e riconoscere sul mercato attraverso le attività “educational” che hanno evidenziato uno dei valori aggiunti di Banca Akros, ovvero le persone. Per essere più concreti, la passione e la competenza del team degli Akros Certificates. Nei webinar che organizziamo e/o a cui partecipiamo non ci fermiamo solo alla mera spiegazione del prodotto, ma cerchiamo ogni volta di insegnare e imparare qualcosa di nuovo.


Puoi fare un esempio concreto?

La costruzione di un portafoglio di Certificati Protetto 100 o con Protezione “a scelta” utilizzando uno strumento protetto e uno condizionatamente protetto. Questo è un esempio di come si possa dare valore aggiunto anche attraverso soluzioni semplici. Inoltre, l’impegno verso la formazione ci è stato riconosciuto anche agli IT Forum Awards in occasione del quale ci siamo aggiudicati il premio “Certificati: impegno per la formazione”.


LE OPPORTUNITÀ PER TE. Quali opportunità dai certificati di investimento? Come costruire un portafoglio efficiente? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR


Un aspetto che vi ha distinto nella strutturazione dei certificates è stato anche l’Accelerator Coupon, di cosa si tratta?

È stato un elemento innovativo che abbiamo portato sul mercato. Si tratta di una caratteristica applicabile a tutti i Certificates Autocallable e che prevede, in caso di scadenza anticipata, il pagamento di tutti i premi futuri che si sarebbero potuti incassare qualora il Certificate fosse giunto alla sua scadenza naturale. Caratteristica molto apprezzata dall’”elite” del mondo finanziario.


Guardando al prossimo futuro, quali progetti avete per il 2024?

Continueremo su questa strada, incrementando la gamma prodotti e investendo sulle attività di comunicazione differenziandone i contenuti in modo sempre più specifico, in funzione della tipologia dei potenziali investitori: dal retail, al trader ai consulenti finanziari.

Cosa vorresti fare?